Tematica: Sicurezza sul lavoro

  • La mancata previsione del rischio comporta la responsabilità del datore di lavoro

    La Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, con la sentenza dell’11 agosto 2010, n. 31679 è intervenuta in merito all’inosservanza delle norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro nel caso di lesioni personali gravi cagionate ad un operaio che, nell’ambito dei lavori di costruzione di un fabbricato, era caduto mentre si trovava, privo di cintura di sicurezza, su un ponteggio a cui erano state tolte le protezioni laterali. Tale sentenza ha stabilito che in tema di sicurezza sul lavoro,...

    » Continua


  • Datore di lavoro responsabile dei comportamenti imprudenti del lavoratore

    La Corte di Cassazione Penale, con la sentenza del 26 agosto 2010, n. 32357, in materia di sicurezza sul lavoro, ha affermato il principio che la responsabilità del datore di lavoro non è esclusa dai comportamenti negligenti, trascurati, imperiti del lavoratore, anche qualora abbiamo contribuito al verificarsi dell'infortunio, in quanto il datore di lavoro è il «garante anche della correttezza dell'agire del lavoratore». Pertanto, continua la sentenza, il datore di lavoro deve operare un «co...

    » Continua


  • Va motivata la sospensione dell' attività aziendale

    La Corte Costituzionale con sentenza n. 310, 5 novembre 2010 ha stabilito che l'amministrazione è tenuta a motivare i provvedimenti con i quali decide di sospendere un'attività imprenditoriale. Secondo la sentenza n. 310 è incostituzionale la possibilità di derogare all'obbligo di indicare i presupposti e le ragioni giuridiche che hanno determinato la sospensione dell'attività di un'impresa. . La Consulta ha dunque bocciato l'articolo 14 comma 1 del D.lgs. 2008/81 nella parte in cui, s...

    » Continua


  • Direttore e amministratore hotel responsabili per mancanza personale antincendio

    La Corte di Cassazione, Sez. IV Penale, con la sentenza del 6 giugno 2011 n. 22334 ha stabilito la responsabilità penale, per i reati di incendio colposo e di omicidio colposo plurimo, dell’amministratore nonché legale rappresentante della società per azioni proprietaria dell'albergo e del direttore dell'albergo, che ricopriva anche l’incarico di capo della squadra di emergenza aziendale, a seguito della morte di tre ospiti dell’albergo causata dall’incendio sviluppatosi all’interno. Sebbene...

    » Continua


  • Responsabilità del datore di lavoro anche in caso di macchinario difettoso

    La Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, con la recente sentenza n. 31571/2011 torna a pronunciarsi sulla responsabilità del datore per gli incidenti occorsi ai propri dipendenti durante lo svolgimento della prestazione. Tale sentenza stabilisce espressamente che non basta predisporre un ambiente di lavoro adeguato ed esente da rischi. L’obbligo di vigilanza del datore, infatti, si estende anche ai mezzi usati dai propri dipendenti e dunque comprende anche i macchinari. E, in caso di infor...

    » Continua


  • La delega sulla sicurezza sul lavoro esenta dal controllo degli aspetti contingenti della lavorazione

    La Corte di Cassazione, Sez. IV penale, con la sentenza del 19 marzo 2012 n. 10702 è intervenuta a chiarire la ripartizione della responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro fra il datore di lavoro ed il delegato alla sicurezza. La Corte di Cassazione ha innanzitutto evidenziato che l’attribuzione della delega non esclude l'obbligo di vigilanza del datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte dei delegato delle funzioni trasferite. Tale vigilanza, però, sottolinea la s...

    » Continua


  • Responsabile anche il committente se c'è ingerenza nel lavoro

    La Corte di Appello di Venezia, con la sentenza del 7 marzo 2012 ha deciso in merito alla responsabilità per il grave infortunio occorso ad un lavoratore caduto da un’altezza di circa quattro metri, mentre era intento al posizionamento e fissaggio di pannelli di policarbonato sul tetto di un capannone, senza alcun strumento di protezione ed utilizzando delle impalcature prive dei regolari parapetti. Innanzitutto, la Corte ha ribadito che, in caso di esecuzione di opere da eseguirsi in quota,...

    » Continua


  • Responsabilità datore di lavoro per morte da folgorazione

    La Corte di Cassazione, Sez. IV Penale, con la sentenza del 4.5.2012 n. 16890, è tornata a pronunciarsi sulla responsabilità del datore di lavoro in ordine alla sicurezza dei lavoratori. La Suprema Corte con la predetta sentenza ha confermato la sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Brescia che aveva condannato un datore di lavoro per il reato di omicidio colposo, aggravato dalla violazione della normativa antinfortunistica, per la morte di un operaio per folgorazione dal quadro elettrico...

    » Continua


  • Esclusa la responsabilità del datore di lavoro solo per abnorme comportamento del lavoratore

    La Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, con la sentenza del 7 giugno 2012, n. 9199, ha stabilito che le norme sulla sicurezza del lavoro e di prevenzione degli infortuni sul lavoro sono dirette a tutelare il lavoratore non solo dagli incidenti derivanti dalla sua disattenzione, ma anche da quelli ascrivibili ad imperizia, negligenza ed imprudenza dello stesso. Pertanto, continua la sentenza, il datore di lavoro è sempre responsabile dell'infortunio occorso al lavoratore, «sia quando ometta di a...

    » Continua


  • L'affitto di azienda esclude la responsabilità per macchinari non a norma

    La Corte di Cassazione, Sez. III pen., con la sentenza del 22 maggio 2012, n. 194162 ha stabilito che l’affitto di un’intera azienda esclude la responsabilità del concedente per eventuali macchinari non rispondenti ai requisiti di sicurezza. La vicenda nasce dalla condanna inflitta al legale rappresentate di una società per il reato di cui all'articolo 91 in relazione al Decreto Legislativo n. 626 del 1994, articolo 6, comma 2 oggi previsto dagli articoli 57 e 23 del Decreto Legislativo n. 8...

    » Continua


  • Linee guida formazione sicurezza sul lavoro

    Sulla Gazzetta Ufficiale n. 192 del 18 agosto 2012 è stato pubblicato l’accordo del 25 luglio 2012, approvato dalla Conferenza permanente Stato-Regioni, in materia di formazione sulla sicurezza del lavoro del datore di lavoro che intenda svolgere direttamente i compiti del servizio di prevenzione e protezione e di quella dei lavoratori, dei dirigenti e dei preposti. Secondo le suddette linee guida, i corsi devono essere organizzati in modo che sia individuato un responsabile dei corsi, che p...

    » Continua


  • Per infortuni responsabile il c.d.a salvo delega

    La Corte di Cassazione, Sez. IV pen., con la sentenza del 20 maggio 2013, n. 21628, ha ribadito che nelle società di capitali gli obblighi inerenti alla prevenzione degli infortuni sul lavoro, gravano indistintamente su tutti i componenti del consiglio di amministrazione. Difatti, continua la sentenza, il presidente del consiglio di amministrazione non può essere considerato il solo rappresentante della società, in quanto la rappresentanza appartiene all'intero consiglio. Fa eccezione a t...

    » Continua


  • Committente non automaticamente responsabile per mancata nomina direttore dei lavori

    La Corte di Cassazione, Sez. IV penale, con la recente sentenza del 5 settembre 2013 n. 36398 è tornata a pronunciarsi in materia di sicurezza sul lavoro ed ha stabilito che la mancata nomina del direttore dei lavori non determina la responsabilità automatica del committente in caso di infortunio di un operaio nel cantiere. Secondo la predetta sentenza è necessario, infatti, verificare in concreto quale sia stata l’incidenza della condotta del committente nel verificarsi dell’evento, avuto ...

    » Continua


  • Pubblicate le procedure semplificate per le Pmi

    Dal 13 febbraio 2014, a seguito della pubblicazione del relativo comunicato sulla Gazzetta Ufficiale, è operativo il documento “Procedure semplificate per l’adozione di modelli di organizzazione e gestione nelle piccole e medie imprese” approvato dalla Commissione Consultiva di cui all'art. 30, comma 5-bis, del Testo unico di Sicurezza (D.lgs. 81/2008). In sostanza si tratta di un vero e proprio modello di organizzazione, come previsto dal Decreto Legislativo 231 del 2001 relativo alla resp...

    » Continua


  • Riconosciuta la responsabilità anche della ditta subappaltatrice

    La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17800 depositata il 28/04/2014 chiarisce una volta per tutte le rispettive responsabilità della società edile “titolare” dell’appalto e della ditta subappaltatrice in tema di sicurezza sul lavoro riconoscendo la responsabilità anche della ditta subappaltatrice per la violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro. Con la predetta sentenza, infatti, la Suprema Corte afferma la responsabilità per il reato di omicidio colposo con violazione delle n...

    » Continua


  • Sicurezza sul lavoro nell'edilizia: predisposti dal Ministero i modelli standard semplificati per la redazione del POS, PSC, FO e PSS

    Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il Ministro della Salute, in attuazione dell’art. 104-bis del D.Lgs. 81/08, il 9.9.2014 ha emesso il decreto interministeriale nel quale vengono finalmente predisposti, in quattro allegati, i modelli semplificati per la redazione dei seguenti modelli obbligatori nell’ambito dell’edilizia: piano operativo di sicurezza (Pos) di cui agli articoli 89, comma 1, lettera h) e 96, c...

    » Continua