Tematica: Diritto e information tech.

  • Diffamazione commessa attraverso Google

    Il Tribunale di Milano con ordinanza del 24 marzo 2011 ha considerato diffamatoria la semplice associazione al nome di una persona con le parole «truffa» e «truffatore», operata dal motore di ricerca attraverso il servizio web search denominato Suggest/Autocomplete. L'utente che legge tale abbinamento, ha affermato il Tribunale, è infatti indotto immediatamente a dubitare dell'integrità morale del soggetto il cui nome appare associato a tali parole ed a sospettare una condotta non lecita da p...

    » Continua


  • Yahoo e Mediaset, l'intermediario è passivo

    La Corte di Appello di Milano con questa importante sentenza si è pronunciata sulla questione inerente al regime di responsabilità del prestatore di servizi di “ospitalità” di dati (hosting) che procura ai propri clienti un servizio di accesso a un sito senza proporre altri servizi di elaborazione dei dati stabilendo che il fornitore di hosting è per natura un semplice intermediario e non può essere l'arbitro dei diritti in gioco. La questione nasce da una vertenza promossa da RTI S.p.a., tit...

    » Continua


  • Diritto all'oblio su internet

    Il Garante della Privacy, con provvedimento del 18 dicembre 2014 n. 618, pubblicato sulla newsletter n. 400 del 31 marzo 2015, ha stabilito che gli utenti non possono ottenere da un motore di ricerca la cancellazione dai risultati di ricerca di una notizia che li riguarda se si tratta di un fatto recente e di rilevante interesse pubblico. Per il Garante, infatti, il diritto all'oblio, deve essere bilanciato con il diritto di cronaca. Nel caso di specie, il Garante ha respinto il ricorso di ...

    » Continua


  • Nuove regole per i pagamenti da remoto (mobile payment)

    Dal 1 aprile 2015 sono entrate in vigore le regole dettate dal Garante della Privacy per chi acquista prodotti e servizi digitali pagando attraverso smartphone, tablet e Pc. Il provvedimento riguarda tutti gli acquisti da remoto, come prodotti e servizi digitali, abbonamenti a quotidiani on line, acquisti di e-book, video e giochi. Infatti, il Garante, con il provvedimento del 22 maggio 2014 n. 258, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 137 del 16 giugno 2014, ha stabilito che le compagnie...

    » Continua